5 CONSIGLI PER GESTIRE LO STRESS DI QUESTI GIORNI

Come gestire questo momento senza farsi sopraffare da stress, solitudine e tristezza

In questo particolare momento di emergenza CoronaVirus la prescrizione fondamentale è restare a casa. L’isolamento e il divieto di uscire sono condizioni gravose per tutti e possono risultare psicologicamente pesanti. Inoltre, vi sono ulteriori preoccupazioni, quali l’ansia per il futuro, l’incertezza legata ad una possibile crisi economica, la paura del contagio per noi e per i nostri cari, la lontananza da familiari e amici.

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS)è utile ricordare che “è normale sentirsi tristi, stressati, confusi, spaventati e arrabbiati” e che un modo semplice ma efficace per stare meglio è fare una telefonata a qualcuno di ci si fida.

Ecco una lista di CONSIGLI per affrontare al meglio questo periodo difficile:

  1. NON CERCARE SOLO NOTIZIE SUL CORONAVIRUS. Cercare in modo compulsivo solo notizie sul CoronaVirus aumenta la sensazione di ansia e di non controllo. Inoltre, la ricerca su siti non officiali genera confusione e iper allarmismo. Affidarsi solo a fonti attendibili, quali il sito dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) e quello dell’Istituto Superiore di Sanità (ISS).
  2. UTILIZZARE LE VIDEOCHIAMATE PER SENTIRSI MENO SOLI. In questo momento è facile sentirsi soli, a causa delle restrizioni, ma anche per effetto della sfiducia e dell’atteggiamento scostante e diffidente verso gli altri. Quindi via libera a videochiamate su WhatsApp o Skype con amici e parenti: è un modo per sentirsi meno soli, meno estraniati, meno tristi e per cercare di mantenere la normalità. Mantenete e ricercate delle relazioni che vi facciano stare bene.
  3. FARE MOVIMENTO. Utile per stare bene psicologicamente grazie al suo potere anti-depressivo. In casa è possibile fare semplici esercizi di yoga, pilates, o stretching in autonomia o seguendo video tutorial online. La cosa importante è muoversi e mantenersi attivi e svegli. Utilissimo e piacevole è anche ballare, da soli o in compagnia, magari con i propri bimbi, in quanto aiuta a scaricare la tensione divertendosi.
  4. CERCARE DI MANTENERE UNA ROUTINE. Importante non passare il tempo dell’isolamento in un tempo disordinato e indefinito, ma mantenere una routine giornaliera; per esempio è utile la mattina lavarsi e vestirsi e non restare in pigiama per l’intera giornata, rispettare gli orari del pranzo e della cena e darsi qualche appuntamento fisso come la seduta di yoga o l’aperitivo via Skype con le amiche.
  5. IMPARARE QUALCOSA DI NUOVO. Può essere utile fare una lista di cose che avete sempre voluto fare e che continuate a rimandare (un lavoretto in casa, curare le proprie piante, imparare una lingua straniera, cucinare un piatto nuovo, leggere un libro…) e scegliere in base a ciò che ci fa stare bene.

Possiamo cambiare prospettiva e provare a considerare questo periodo come un’opportunità per riscoprirci ed esplorare cose nuove.

Possiamo sperimentare e coltivare la NOIA, in quanto sia nei bambini sia negli adulti è uno stato che spesso tendiamo ad evitare, ma necessario per fa emergere IDEE CREATIVE.

Dott.ssa Francesca Bartolozzi

 

The following two tabs change content below.

unapsicologaincucina

Sono Francesca Bartolozzi classe 1981, psicologa e psicoterapeuta, istruttrice di pratiche di Mindfulness, moglie e mamma di un favoloso maschietto I miei amici mi chiamano unapsicologaincucina per la mia passione per i fornelli (amo creare e sperimentare nuove ricette; ho un debole per la pasticceria)

Ultimi post di unapsicologaincucina (vedi tutti)