LA MIA TORTA DI CAROTE

La Torta di Carote o Carrot Cake (in lingua anglosassone) è una delle mie torte preferite.

Vi chiederete il motivo!

  • perché, innanzitutto, è piena di carote, verdura dal sapore decisamente dolce e dal colore vivace
  • l’impasto prevede la frutta secca (noci, o mandorle o nocciole)
  • occorre poco zucchero
  • è una torta morbidissima e umida
  • è una ricetta facile e dal risultato garantito (“Provare x assaggiare”)

INGREDIENTI

  • 230 gr di carote
  • 250 gr di farina tipo 0
  • 3 uova
  • 120 ml di olio di semi
  • il succo di mezza arancia
  • 120 gr di zucchero di canna grezzo
  • 1 cucchiaino abbondante di vaniglia in polvere
  • 2 cucchiaini colmi di cannella (io abbondo)
  • pepe q.b.
  • un pizzico di sale
  • 10 noci
  • 2 cucchiaini di lievito per dolci

PROCEDIMENTO

  1. In una ciotola mettere tutti gli ingredienti secchi e mescolare (farina, cannella, una macinata di pepe nero, un pizzico di sale, la vaniglia e il lievito)
  2. In un’altra ciotola sbattere lo zucchero con le uova, l’olio e il succo di mezza arancia
  3. Pulire le carote e tritarle nel mixer con le noci sgusciate
  4. Unire i due impasti e mescolare bene
  5. Versare l’impasto in una tortiera rivestita con carta forno o imburrata ed infarinata
  6. Cuocere, in forno statico, a 180° per circa 45 minuti (verificare sempre la cottura con uno stecchino, ance se questo dolce rimane molto umido)
  7. Sfornare la torta quando è raffreddata e spolverizzare di zucchero a velo (a piacere)

* L’idea alternativa: potete sostituire le noci con altra frutta secca a piacere o che avete in casa (mandorle o nocciole)

Questa torta è buona, genuina e preparata con ingredienti salutari (carote e noci, senza burro e con poco zucchero di canna). In particolare, le carote, come tutta la frutta e verdura di colore arancione, hanno un alto contenuto di vitamina C e la frutta secca è ricca di magnesio, utile contro stanchezza e nervosismo.  

La torta è morbida e perfetta con il cappuccino a colazione, con il the a merenda e, perfino, come dessert a fine pasto con l’aggiunta di una pallina di gelato fior di latte o un ciuffetto di panna montata. Oserei definirla una torta “versatile” e adatta ad ogni esigenza

by @unapsicologaincucina

The following two tabs change content below.

unapsicologaincucina

Sono Francesca Bartolozzi classe 1981, psicologa e psicoterapeuta, istruttrice di pratiche di Mindfulness, moglie e mamma di un favoloso maschietto I miei amici mi chiamano unapsicologaincucina per la mia passione per i fornelli (amo creare e sperimentare nuove ricette; ho un debole per la pasticceria)

Ultimi post di unapsicologaincucina (vedi tutti)