Storia di un campione. A colloquio con Jacopo Luchini.

 

C’è un campione di snowboard che abita a Montemurlo, il suo nome, conosciuto e ammirato da tutti, è Jacopo Luchini. La sua è la storia di un bambino con una disabilità che non gli ha impedito di coltivare il suo sogno e farlo diventare realtà. Lo abbiamo incontrato e gli abbiamo chiesto cosa significa nella sua vita lo sport: <Lo sport è la mia vita. L’attività sportiva è sempre stata parte della mia routine quotidiana fin da quando ero bambino, prima come attività ludica, poi come hobby ed infine si è trasformata in agonismo. Da ormai cinque anni faccio parte della squadra Nazionale Italiana Paralimpica di Snowboard di conseguenza ogni giorno della mia vita è programmato in funzione al mio sport: preparazione atletica, allenamenti tecnici, alimentazione, preparazione mentale, sono alla base delle mie giornate per arrivare a competere con i migliori atleti al mondo>.  Sul suo percorso e il periodo dell’adolescenza, quello durante il quale i ragazzi sanno essere più duri ci racconta: <Fortunatamente non ho mai subito discriminazioni o almeno che io sappia. Quando ero più piccolo, quando andavo a scuola, parlo di elementari e medie, a volte ho ricevuto degli apprezzamenti poco simpatici o comunque disprezzanti nei confronti della mia disabilità, ma si parla di ragazzate, stenterei a chiamarle discriminazioni o atti di bullismo, le ritengo abbastanza “normali” nel mondo adolescenziale. Comunque, io ho sempre avuto un carattere forte e una grande personalità, di conseguenza ho sempre reagito anche in maniera piuttosto vendicativa, quando a parole, quando a modi più duri e diretti delle parole>. Jacopo fa parte della Nazionale Italiana Paralimpica, prima dello snow ha praticato tanti sport. Sin da bambino si dedica con forza e volontà alla pratica dello sport, dal calcio al nuoto fino alle arti marziali grazie alle quali inizia a praticare snowboard. Laureato in Scienze Politiche all’Università di Firenze nel 2017 e dopo un’esperienza di lavoro all’estero torna in Italia e si dedica completamente allo sport, nello specifico allo snowboard diventando un campione. Sugli obiettivi prossimi Jacopo ci spiega: <Il mio prossimo obiettivo è farmi trovare pronto per la prossima sessione di gare che inizieranno a novembre. Nel frattempo ho intrapreso anche un percorso che alla fine del prossimo anno mi porterà ad essere il primo Maestro di Snowboard disabile in Italia. Il corso Maestri della Regione Veneto è un ciclo di formazione di alto livello e perciò richiede il massimo impegno sotto ogni aspetto, con il continuo raggiungimento di nuovi obiettivi sia tecnici che didattici. Ad ogni modo i miei obiettivi principali sono il Mondiale 2021 in Norvegia e le Paralimpiadi Invenali 2022 a Pechino>. Prima di salutarci chiediamo a Jacopo cosa consiglierebbe a un ragazzo che vuole impegnarsi nello sport: <Direi di non porsi limiti e di provare più sport possibili, di non stare troppo in casa davanti ad un telefonino o un televisore, ma di uscire e divertirsi con gli amici, tanto meglio se praticando un’attività sportiva di qualunque genere essa sia. Se poi troverà nell’agonismo delle soddisfazioni tali da fargli maturare un sogno, allora gli consiglio di impiegare tutte le risorse e tutti i mezzi disponibili per perseguire quel sogno>. Jacopo è l’esempio pratico e reale di cosa vuol dire coltivare un sogno, inseguirlo nonostante tutte le difficoltà che la vita ti mette davanti, un bel messaggio di vita e speranza per tutti i ragazzi giovani che con sacrificio provano a far crescere il proprio talento, trasformandolo nel principale obiettivo della vita.

 

Valentina Vespi

 

 

 

The following two tabs change content below.

Valentina

Mamma, moglie, giornalista per passione. Laureata in Storia e Tutela dei Beni Artistici a Firenze, appassionata di politica, sono impiegata dai tempi dell’università nella grande distribuzione. Iscritta all’Ordine dei Giornalisti della Toscana ho collaborato con testate locali e con l’Informatore di Unicoop Firenze.

Ultimi post di Valentina (vedi tutti)